menu ]

Viaggi e Birra ]
locali e birrerie ]
comunicati stampa ]
tecniche per Homebrew ]
AreaBirra intervista... ]

Speciali ]

Area Riservata ]

Articoli correlati ]

BABB - Birrificio Artigianale Bassa Bresciana a Manerbio, il mastro birraio Riccardo Redaelli intervistato da Area Birra
a cura di reversi
AreaBirra intervista Riccardo Redaelli, mastro birraio del BABB, Birrificio Artigianale Bassa Bresciana a Manerbio, in provincia di Brescia

Social networks ]

AreaBirra.it Youtube Channelaccedi al canale
suggerisci un video

Areabirra.it Facebook Group iscriviti al gruppo

visualizza il profilo

bookmark

Supporters ]

la tua pubblicità qui! clicca per informazioni

Le interviste di AreaBirra.it ]

Birrificio del Ducato. Giovanni Campari intervistato da AreaBirra. - 18/10/2008

Quattro chiacchiere col Mastro Birraio. AreaBirra intervista Giovanni Campari del Birrificio del Ducato

18 ottobre 2008 - Inauguriamo questa nuova sezione di AreaBirra.it pubblicando un'intervista a Giovanni Campari, mastro birraio del pluripremiato Birrificio del Ducato di Roncole Verdi Busseto (PR)
 
Scopriamo il suo pensiero circa il fervente movimento della birra artigianale italiana, facciamo la conoscenza dei prodotti del Birrificio del Ducato e sentiamo cosa ha da dirci circa i suoi progetti futuri
 
Per maggiori informazioni vi rimandiamo al sito ufficiale del Birrificio del Ducato.
 

Da quanto tempo il Birrificio del Ducato è in attività?

Da 19 mesi (da marzo 2007)

Come è nata in voi la passione per la birra e perché avete intrapreso questa avventura?

La passione per la birra nacque in me molti anni fa, fu però solo dopo aver iniziato l'home-brewing ed aver conosciuto Unionbirrai che “vidi la luce”, scoprendo la galassia delle birre artigianali di qualità (italiane e non solo)

Qual è sinteticamente la vostra filosofia sulla birra?

La mia brewing philosophy consiste nel produrre birre complesse o semplici, estrose oppure no ma sempre orientate sull'equilibrio e l'armonia tra tutte le componenti. Ritengo che una birra, per quanto complessa possa essere, debba innanzitutto essere piacevole e facile da bere, e questo non vale solo per le “session beers”.

Quando ritieni che una birra sia "di qualità"?

Quando non ha difetti (da un punto di vista organolettico) ed è equilibrata. Poi, per essere un'ottima birra deve anche trasmettere delle emozioni.

Vi siete mai pentiti di aver aperto un microbirrificio?

No, mai. Anche se di momenti difficili ce ne sono stati tanti, soprattutto prima di iniziare la produzione.

Che birre produce il Birrifiio del Ducato? Potete descriverle brevemente?

Attualmente produciamo circa 12 birre più alcune specialità celebrative, le principali sono:

  • VIAEMILIA, la nostra birra più venduta, ispirata alle migliori pils (italiane) secca e decisamente luppolata, subisce un dry hopping di 3 settimane con fiori di Tettnanger selezionati da me direttamente dai contadini al momento del raccolto. 4,8% ALC.
  • A.F.O., una sorta di APA con 10 luppoli di varie provenienze per creare un bouquet non a senso unico come molte produzioni americane, il trionfo del luppolo! 5,3 % ALC.
  • NEW MORNING, come la definisce il nostro importatore USA è una “Italian Saison”, si utilizzano 8 spezie (tra cui zenzero, coriandolo, pepe verde e camomilla, oltre ad una radice amara) ma in maniera molto discreta. 5,8% ALC.
  • SALLY BROWN, un compromesso tra un'oatmeal stout con influenze porter, molto morbida e bilanciata, è basata sostanzialmente sugli aromi e sapori dati dagli 11 malti con cui viene prodotta. 4,8% ALC.
  • VERDI IMPERIAL STOUT, imperial stout dal corpo pieno e vellutato, con profumi che evocano cioccolato fondente, caffè e liquirizia. Leggermente speziata con peperoncino. Molto ben equilibrata. 8,2% ALC.
  • WINTERLUDE, una belgian tripel veramente appagante. 7,8% ALC.
  • CHIMERA, una strong ale di tipo belga, su cui però ancora sto lavorando. 6,7% ALC.
  • KRAMPUS, la birra di natale, una strong ale complessa e dalla tenue speziatura natalizia (tra cui compare l'anice stellato e tante altre spezie usate in maniera molto discreta) 7,6% ALC.

Inoltre produciamo un'altra gamma di birre con il marchio BIA (Birra Italiana Artigianale) di nostra proprietà, sono birre con ricette diverse e meno elaborate ma comunque equilibrate e ben fatte (giudicate voi). Queste sono:

  • BIA BLONDE
  • BIA ALE
  • BIA STRONG ALE
  • BIA PORTER
Abbiamo scelto un altro marchio per poterle vendere anche in alcuni supermercati (Conad), anche queste birre (come quelle a marchio Birrificio del Ducato) sono non filtrate e non pastorizzate e sono state realizzate con caratteristiche che siano più adatte a sopportare una shelf life di circa 9-12 mesi.

A che prezzo indicativo sono vendute?

Dipende dove vengono vendute, nei locali il prezzo è circa dai 9 ai 12 euro per la 75 cl e dai 3,5 ai 5 euro per la 33 cl

Quali delle vostre birre incontrano il maggior riscontro di pubblico?

In Italia la VIAEMILIA, all'estero la NEW MORNING (che negli USA si chiama NUOVA MATTINA) e la VERDI IMPERIAL STOUT

Ogni mastro ha la propria preferita. Quale tra i prodotti del Birrificio del Ducato preferisci (senti più vicino, ti soddisfa di più)? Perchè?

Mah, non saprei, è un po' come dire qual è il mio piatto preferito, dipende dal contesto in cui mi trovo e da che cosa sto mangiando (normalmente però preferisco bere le birre da sole). Poi vado a periodi, a volte bevo solo VIAEMILIA, a volte solo NEW MORNING oppure mi fisso sulla SALLY BROWN, ma se dovessi scegliere la birra da portare con me su un'isola deserta, credo che mi porterei la A.F.O.

Uno sguardo alla realtà italiana... Oltre al tuo birrificio fai qualche nome che "merita", che reputi valido o interessante nel panorama artigianale italiano.. Per quali motivi? Qualche prodotto in particolare?

Sicuramente il Birrificio Italiano (ma non perché Agostino è stato il mio maestro), loro fanno molte birre eccellenti: Bibock, Extra Hop, Tipopils e Cinnamon bitter ale tra le mie preferite.
Poi mi piacciono anche molte altre produzioni di miei colleghi, faccio solo altri due nomi per non dilungarmi troppo: Birrificio Lodigiano e Bi-Du.

Come vedi lo sviluppo del movimento dei birrifici artigianali in italia?

Penso che al momento si stia verificando un vero boom di Microbirrifici in Italia, ne continuano ad aprire ogni mese ma non sono molto sicuro che la gente che si imbatte in questo tipo di attività sia spinta solo da una vera passione oppure dal miraggio di un facile guadagno che, vi garantisco, non è assolutamente facile né tantomeno cospicuo.
Tutto ciò non fa bene al mondo della birra artigianale, un consumatore che non ha mai provato una birra artigianale e ha una brutta esperienza perché la birra che beve è disastrosa se ne tornerà spaventato tra le braccia dell'industria (Heineken, Peroni, Menabrea, ecc.).

Noti nel pubblico italiano un miglioramento in termini di apprezzamento e capacità di critica nei confronti della birra?

Certo, l'interesse è in costante aumento (la cosa è indiscutibile) anche da parte del mondo della ristorazione, anche se siamo sempre molto indietro rispetto a paesi come Stati Uniti, Danimarca, Svezia, ecc. che sono meno vincolati di Italia, Francia e Spagna al mondo del vino. Anche la capacità critica sta crescendo grazie agli eventi e le degustazioni sempre più frequenti che ci sono in giro. Unionbirrai organizza da anni dei corsi professionali di degustazione (1° e 2° livello) tenuti da docenti autorevoli e preparati.

Quale è secondo te la maggiore difficoltà che a tuo avviso un birrificio artigianale deve fronteggiare oggigiorno?

La gestione della contabilità UTF.

Quale è stata la maggior soddisfazione derivata dalla tua attività o dalle tue birre? Ricordi un aneddoto in particolare?

Le maggiori soddisfazioni vengono dalla gente che mi trasmette riconoscenza perché gode nel bere le birre che faccio, io faccio tutto questo principalmente perché voglio realizzare birre che mi trasmettano delle emozioni e quando questo obbiettivo è raggiunto mi sento appagato, ma quando altre persone condividono le stesse emozioni che provo io, allora la soddisfazione è impagabile.

Dove si possono trovare e in che modo proponete le vostre birre?

Le nostre birre si trovano principalmente nei bar, ristoranti e pub delle zone in cui siamo presenti.

Le distribuite nel vostro locale o le fornite ad altri gestori?

Non avendo locale di mescita né brew-pub le vendiamo solo all'ingrosso (penso che in futuro le venderemo anche via internet)

Avete distributori in Italia?

No, lavoriamo principalmente con agenti. Ad eccezione delle BIA che sono distribuite da Eurosaga.

Se proponete la vostra produzione attraverso diversi locali vi preoccupate di realizzare corsi di formazione/degustazione per coloro che distribuiranno le vostre birre?

Purtroppo non è possibile arrivare ovunque e spesso chi presenta e vende le birre non ha sufficiente conoscenza, per cui cerchiamo di dotarlo di schede tecniche descrittive che vadano anche a toccare il consumatore finale.

Potete indicare qualche abbinamento gastronomico interessante?

VERDI IMPERIAL STOUT con cru di cioccolato fondente
VIAEMILIA con fiori di zucca fritti
A.F.O. con fiorentina di chinina ai ferri
SALLY BROWN con salmone crudo e tamari (salsa di soya)
NEW MORNING con carpaccio di tonno
KRAMPUS con Pont l'Eveque (formaggio francese)
Tanto per star sul difficile…

Avete in mente qualche nuova creazione per il prossimo futuro o qualche specialità che volete anticiparci?

Ho fatto un Barley Wine che sta invecchiando in barrique per celebrare la nascita di mio figlio Matteo.

I vostri piani futuri?

Sviluppare delle birre invecchiate in legno, aumentare la produzione e soprattutto riorganizzare la mia vita!

Dove e come chiunque sia interessato ai vostri prodotti possa eventualmente contattarvi per maggiori informazioni?

Via mail: info@birrificiodelducato.it oppure Tel.                     0524 90137          o Fax 0524932630 o sul sito internet www.birrificiodelducato.it

Proponete qualche merchandise promozionale per pubblicizzare il birrificio ed i prodotti? Se si, come è possibile procurarsela?

Stiamo per far stampare delle magliette e dei portachiavi, sarà possibile averle contattandoci.

Elenco di tutti gli articoli

Per leggere l'articolo cliccare su uno dei titoli. E' anche possibile ottenere il feed RSS/XML degli ultimi cinque articoli.